Il codice della strada

Molti pazienti con invalidità ci chiedono informazioni in merito ai propri diritti di conducenti di veicoli e alle modalità di rinnovo della patente presso le Commissioni provinciali.

Ma non tutti sanno che, secondo il nuovo Codice della strada, TUTTI I CONDUCENTI DI VEICOLI CHE SOFFRONO DI UNA PATOLOGIA NEUROLOGICA, INDIPENDENTEMENTE DAL FATTO CHE SIANO O MENO INVALIDI, devono effettuare le visite per il rilascio e il rinnovo della patente presso la Commissione medica locale:


APPENDICE AL TITOLO IV – APPENDICE II – ART. 320 (MALATTIE INVALIDANTI)

Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada – Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495 (in Suppl. ord. alla Gazz. Uff., 28 dicembre 1992, n. 303), con le modifiche di cui al d.P.R. 16 settembre 1996, n. 610, modificato dal d.m. 16 ottobre 1998.

(…)

D. Malattie del sistema nervoso.

La patente di guida non deve essere né rilasciata né confermata a candidati o conducenti colpiti da:

  1. encefalite, sclerosi multipla, miastenia grave o malattie del sistema nervoso, associate ad atrofia muscolare progressiva e/o a disturbi miotonici;
  2. malattie del sistema nervoso periferico;
  3. postumi invalidanti di traumatismi del sistema nervoso centrale o periferico.

A giudizio della commissione medica locale e con sua espressa certificazione, nei casi a), b) e c) sopracitati, a seguito dell’esito della visita specialistica presso strutture pubbliche, ove ritenuta necessaria, può essere rilasciata o confermata la patente di guida a condizione che dette malattie non siano in stato avanzato e che la funzione degli arti sia buona, per cui non venga pregiudicata la sicurezza della guida. In tali casi gli interessati devono mostrare di essere capaci di usare i comandi del veicolo appartenente alla categoria per la quale si richiede il rilascio della patente, in condizioni di sicurezza. La validità della patente non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la revisione valgono le stesse modalità

(…)


Seguire questo iter è molto importante anche a fini assicurativi: infatti, in caso di incidente, se l’assicurazione vede che l’assicurato ha una patologia neurologica non dichiarata e che non si è fatto visitare presso la Commissione medica, potrebbe rifiutarsi di pagare, anche se l’assicurato è la parte lesa: in pratica, il fatto di non presentarsi alla Commissione medica invalida la patente.

È inoltre importante ricordarsi di fare domanda per la visita di rinnovo prima della scadenza della patente, in modo da poter avere il permesso di guida provvisorio.

 

Ultimo aggiornamento: maggio 2013